Home

 

Il Teatro esiste perchè si ha l’esigenza di raccontare qualcosa.

Il Teatro di Matteo Carnevali attinge dall’autobiografia dei suoi partecipanti, e cerca di creare linguaggi e modalità per raccontare emozioni, stati d’animo, idee. E’  un luogo dove poter costruire una realtà più sensibile e attenta di quella  presisitente, è un luogo dove poter trovare sollievo dal mondo con la speranza di costruirne uno migliore e più vivibile, dove bellezza, conflitti, tragedie, sogni ed incubi sono raccontabili e dunque fanno meno paura.

Il Lavoro del Teatro si fa nelle scuole, nei corsi o durante i laboratori, momenti in cui è possibile immaginare inaspettate traiettorie dove agire, creare, conoscere e comunicare in modo nuovo e consapevole

Azioni e riflessioni sul teatro della contemporaneità e del presente. Un percorso di ricerca nell’autenticità, nella memoria emotiva, nella biografia e nelle esperienze dei partecipanti per raccontarsi, per ricordare, per incontrarsi, trasformarsi e cambiare.

Grande attenzione ai Laboratori di teatro dedicati a soggetti della marginalità e differentemente abili. Progetti che hanno come obiettivo l’emancipazione dei suoi partecipanti attraverso specifiche pratiche comunicative, espressive e relazionali in grado di migliorare il rapporto con se stessi, con l’altro e con l’ambiente in cui si vive, in una costante ricerca atta a valorizzarne la loro straordinaria unicità.

 Luogo di incontro-scoperta-sperimentazione di nuove modalità comunicative e relazionali con se stessi e con gli altri dove la relazione con la diversita’ è propulsione per una nuova pratica artistica.

Commenti chiusi