Teatro

LaPiccolaOdissea

una produzione ARS Ventuno

LaPiccolaOdissea

La storia più avventurosa di tutti i tempi

raccontata con giocattoli, pupazzi e materiali di recupero.

L’Odissea è una storia eterna. E’ la storia di un viaggio avventuroso, dove il nostro astuto e romantico eroe incontra creature entrate nell’immaginario di ognuno di noi.

LaPiccolaOdissea racconta con oggetti di uso quotidiano, vecchi giocattoli e materiale di recupero l’epopea di questo rocambolesco viaggio nel mediterraneo.

Dopo la guerra di Troia l’uomo che con il suo ingegno e la sua indomabile curiosità ha saputo creare l’inganno più famoso della storia affronta un’incredibile e lunghissimo viaggio per ritornare a casa, nella sua amata Itaca.

Utilizzando un armadio come teatro proviamo a raccontare questa meravigliosa storia, proponendo la tecnica del teatro di figura, del teatro delle ombre e del teatro d’oggetti.

E allora la zattera di Ulisse sarà una barchetta di carta, il Ciclope un bambolotto scassato, le Sirene delle Barbie con ali e artigli e così via, in un allegro e delicato carnevale di oggetti, materiale di recupero e giocattoli della nostra quotidianità trasformati con poetica delicatezza.

Cercando di rendere il viaggio di Ulisse un viaggio intimo e personale. Facendoci ispirare dal suo coraggio e dalla sua astuzia proponiamo uno spettacolo che voglia a sua volta suggerire un approccio alla Storia e al Mito creativo e curioso.

Riutilizzo / Riciclo e Arte povera.

Ulisse era uomo d’ingegno, un sognatore, la LaPiccolaOdissea è una dichiarazione d’amore alla creatività e alla fantasia. LaPiccolaOdissea è uno spettacolo in cui ogni oggetto utilizzato è stato riportato a nuova vita,  tutti i materiali utilizzati sono stati recuperati in vecchie cantine, in soffitta o direttamente in discarica.

Anche il vecchio armadio che magicamente si trasforma in teatrino è stato ristrutturato e trasformato per un nuovo uso. Ogni singolo oggetto era usato, vecchio, dimenticato, rotto. Affascinati dall’estetica artigianale e poeticamente imperfetta degli vecchi oggetti li abbiamo cercati e trasformati.

La lezione che vogliamo prendere in eredità da Odisseo è quella di avere uno sguardo sempre nuovo e mai banale alla nostra contemporaneità e che grazie al magico potere della fantasia ogni oggetto, nella sua poetica fragilità e imperfezione può essere trasformato in qualcosa di incredibile e nuovo.

Al termine di ogni spettacolo, bambini e genitori sono invitati ad osservare da vicino tutti i pupazzi e gli oggetti che sono stati utilizzati e  l’attore impegnato nel movimento e nell’animazione racconterà come sono stati costruiti perdendo da materiale scartato o recuperato.

locandina-lapiccolaodissea

 

 

IL FRATELLO DELLA SPOSA

Liberamente tratto da ANTIGONE di Sofocle,

Con gli allievi del corso di teatro adulti ETOILE CTE

Giovedì 26 maggio ore 21.00 Teatro F. Tagliavini Novellara (RE)

il fratello della sposa

 

 

CENERE il nuovo spettacolo di AltrArteTeatro. In coproduzione con Teatro F.Tagliavini di Novellara.

23 e 24 aprile 2015

http://www.altrarte.eu/index.php/2016/04/30/cenere-visto-da-tre-fotografi/

cenere

 

Tutto il mondo è pronto a bruciare. Incendi che divampano ovunque. Fuochi che riscaldano, pire funerarie, cuori che bruciamo di passione. Bruciano le streghe, bruciano i deboli ceri della piccola fiammiferaia di Andersen. Bruciano gli uomini infiammati dall’odio. e dopo che il fuoco ha consumato tutto e si è spento, come testimonianza di una trasformazione, rimane la cenere.

Dalla cenere che si riparte per rinascere e ricostruire. Prenderemo questa cenere e ne faremo materia per i nostri sogni. Se il mondo reale brucia, con quel che resta di quel rogo noi costruiremo un altro mondo, un teatro di delicata fuliggine, incapace di perire sotto le fiamme. Perché la cenere non può bruciare ancora.

 

 

 

FIORI SULLE MIE FERITE

Teatro Bismantova, Castelnuovo ne monti. 6 novembre 2015

Con FRANCESCA BIANCHI

Regia di MATTEO CARNEVALI

Un’attrice si appresta a mettere in scena un monologo teatrale.

Dovrebbe essere uno spettacolo leggero e divertente ma la donna non riesce a portare avanti la rappresentazione. Si interrompe, cade, si riprende, prova ancora per poi interrompersi di nuovo.

Il vissuto della donna, le sue fragilità e la sua ipocondria invadono con forza lo spettacolo. La vita intima e privata della donna si sovrappone al testo da recitare e alla finzione teatrale.

L’attrice cerca nella presenza del pubblico la certezza della sua esistenza come artista. La donna cerca nell’aiuto degli altri un sostegno e un conforto al suo dolore e alle sue paure.

La solitudine dell’attrice/donna è un grido di dolore e, il palcoscenico, una finestra da cui affacciarsi sul mondo per chiedere aiuto.

fiori 1

 

______________

La Visita

Teatro Comunale di Gonzaga (MN) 29 marzo 2015

Testo e Regia Francesca Bianchi e Matteo Carnevali con Gli allievi del corso Intensivo “PARADISE MOTEL”

 

La Visita è liberamente ispirata al capolavoro pirandelliano “Enrico IV”.

Uno spettacolo sul significato della pazzia e sul rapporto complesso e inestricabile tra personaggio e uomo, tra finzione e verità.

La pazza, orfana di madre, viene abbandonata dal padre nel giorno del suo decimo compleanno. Dopo lo spegnimento delle candeline, il padre regala alla figlia un cavallino a dondolo e poi esce di casa per non tornare mai più, facendosi un’altra vita con la sorella della moglie e le due figlie di lei.

Da quel momento, la figlia si convince di avere dieci anni e di essere la Principessa Sissi che amava tanto il padre e andare a cavallo.

Inizia così un viaggio sempre più delirante che la porterà a vivere in una piccola soffitta con tutti i giochi della sua infanzia, in particolar modo, il cavallino a dondolo. I suoi sguatteri sono costretti, per non peggiorare la malattia, ad accondiscenderla e a comportarsi come se fossero i servi ai tempi dell’imperatrice d’Austria (metà del 1800).

La pazza si è fermata a quel giorno.

Dopo diversi anni, la madre si ammala e prima di morire si fa promettere dalla sua cara amica, di stare vicino alla figlia e di aiutarla a guarire dalla sua schizofrenia.  Diventata la tutrice della bambina, l’amica di famiglia decide di cercare il padre (che da molti anni non vede), la zia e le cugine e di invitarle a palazzo, dopo aver chiesto consulto ad una Psichiatra, la quale suggerisce un ”piano” per guarire la ragazza dalla sua follia.

la visita2

______________

22 maggio 2015 Sala teatro REGIO’ via Agosti, 6 (RE)

IMMAGINA DI ESSERE MALATO 

Spettacolo finale del corso B della scuola di teatro di Etoile

Regia: Matteo Carnevali

con

Elisa Adani, Simone Balestrazzi, Claudia Barilli, Valentina Bauzone, Alessandra Crotti. Daniele Crotti, Francesca Feruglio, Francesco Ghio, Giulia Giovannelli, Andrea Marani, Giacomo Messori, Matteo Papaleo, Vincenzo Rizzo, Sofia Scafuri, Erika Vanzini

Prendendo come spunto di riflessione l’ipocondria del protagonista del Malato Immaginario, in un percorso di ricerca e di scrittura collettiva il regista e gli allievi del corso di teatro si sono confrontati sulla tematiche della follia, della paura di essere malati e del terrore di essere sani. Da questo laboratorio di faticoso “teatro artigiano” è nato lo
spettacolo “Immagina di Essere Malato”.

L’azione si svolge nel soggiorno di una famiglia dove ogni componente è affetto da vere o false psicopatologie, dove lo psichiatra è visto come uno sciamano e gli psicofarmaci sono il pane quotidiano. In questo bizzarro e surreale quadro si intrecciano i macchinosi piani delle due sorelle maggiori, che vorrebbero far sposare la loro sorella minore ad uno
psichiatra, per assicurarsi la vicinanza di un medico che possa assecondare le loro ipocondrie. Ovviamente la sorella minore è innamorata di un altro e troverà nelle due donne di servizio le complici ideali per per coronare la
sua storia d’amore. Lo spettacolo è un’ironica parabola discendente nelle ossessioni di ognuno di noi e tutti i personaggi, ingarbugliati in frenetico gioco di scatole cinesi, sono contemporaneamente sani e malati, vittime e carnefici, odiosi e
amorevoli.

_______________________________________________________________________
Doppio Appuntamento a Soliera (Mo) nel contesto di Arti Vive Young – rassegna di teatro di innovazione e laboratori per i ragazzi e  famiglie
• 08/05/2015 e 09/05/2015 21:15
MPC: il Manifesto delle Parole Comode
di Matteo Carnevali e degli Attori Imperfetti della Associazione GGFH di Soliera.
Lo spettacolo è l’esito di un lungo laboratorio di ricerca teatrale che vuole essere luogo di libertà, emancipazione e autonomia per i suoi partecipanti. Dodici quadri di poetica ribellione e di ironica pigrizia che vogliono raccontare la necessaria e fragile esistenza di questi Attori (ma prima ancora esseri umani) Imperfetti.

• 15/05/2015 e 16/05/2015 21:15
LA CLASSE

di Matteo Carnevali con gli alunni della Scuole Medie Sassi di Soliera partecipanti al laboratorio permanente di Arti Vive Young.
Delirante e ironico studio per uno spettacolo ispirato alla “Classe Morta” di Tazeusz Kantor. Azioni, gesti, coreografie e dialoghi di un surreale gruppo di studenti imprigionati dentro la loro classe. Uno spettacolo sperimentale, che attraverso l’uso del teatro va alla ricerca di nuovi linguaggi di espressione.

________________________

Fragile_Sublime è il nuovo progetto di AltrArteTeatro curato da Matteo Carnevali.

Percorso di studio e ricerca per il nuovo spettacolo della Compagnia.  Il lavoro nasce da un viaggio che vuole unire (scontrare) la figura di Medea, vista come archetipo di donna forte e determinata e il Visconte Dimezzato di Calvino, uomo ferito, privo della sua unicità.

L’idea è quella di costruire un luogo immaginario,un mondo parallelo, nuovo e irreale che accoglie una donna, un uomo e i loro figli.

Una famiglia che nasce e affronta crisi, crescite, abbandoni. Una madre che vuole essere forte nonostante le sue fragilità,  figli decisi a non perdersi nonostante la frammentazione dei punti di riferimento. Un padre che cerca il perdono per le sue incapacità. La ricerca della bellezza nello splendore della verità.

Lo spettacolo debutterà presso il Teatro Tagliavini di Novellara nel mese di Aprile 2015

fragile

___

Matteo Carnevali è anche quest’anno docente nei corsi di teatro (adulti e ragazzi) di

Centro Teatrale Europeo ETOILE a reggio emilia.

http://www.centroetoile.eu/index.php/2014/08/12/stagione-2014-2015/

 

– Arti Vive Habitat di Soliera (Teatro Ragazzi)

http://www.fondazionecampori.it/teatro/

giovani camaleontiDEF

 

 

 

Con AltrArteTeatro, compagnia formata nel 2008 interamente composta da attori diversamente abili ha curato Laboratorio e regia degli spettacoli:

Pinocchio, la fuga di un burattino” 2009, (vincitore del premio speciale della giuria al Festival Teatro Scuole – Teatro dell’Argine – ITC Teatro di San Lazzaro, Bologna),

http://www.altrarte.eu/galleria/spettacolo_pinocchio_asioli/spettacolo_pinocchio_asioli.html

http://www.altrarte.eu/galleria/prove_pinocchio/prove_pinocchio.html

pinocchio

___

“Nel Cuore dell’Inverno” 2011 (vincitore del premio speciale della giuria al Festival FITALIA 2011),

http://www.altrarte.eu/galleria/cuore_inverno_spettacolo/cuore_inverno_spettacolo.html

http://www.altrarte.eu/galleria/cuore_inverno_backstage/cuore_inverno_backstage.html

BIANCANEVE_FRONTE

___

“Il Tuo Sguardo Mi Fa Paura” 2013.

http://www.altrarte.eu/barbablu.html

LOCANDINA BARBABLU FINITA copy

___

Con gli studenti della scuola di Teatro Etoile CTE ha curato i laboratori e la regia, in collaborazione con Daniele Franci e Francesca Bianchi degli spettacoli:

“Meringa Gotica” 2010,

http://www.centroetoile.eu/galleria/lezione/lezione.html

http://www.centroetoile.eu/galleria/meringa_prove/meringa_prove.htmlmeringa_gotica

___

“Miseria in scatola” 2011 (Liberamente tratto da “L’Opera da tre Soldi” di B. Brect).

http://www.centroetoile.eu/galleria/miseria/miseria.html

cartolina_miseria_reggiolo

___

“Zuppa di vetro al Ristorante Tivoli” 2012.

http://www.centroetoile.eu/galleria/tivoli/tivoli.htmlLOCANDINA_TIVOLI_FINITA

___

“Un giorno sarai Re” (Liberamente tratto da Macbeth di W. Shakespeare) 2013 .

http://www.youtube.com/watch?v=s7F2lZP5iGs

UNGIORNOSARAIRE_LOCANDINA

___

“Scarpette Rosse” 2013,

locandina scarpette rosse

___

“Senza Polacchi e senza Polonia” (Liberamente tratto da Ubu Re) 2013

ubure

___

“Notte Gitana” 2010“ESS La Magia” 2011, con gli allievi di  “ESS- Etoile Summer Scholl” Stage Internazionale residenziale di Teatro presso la Corte Ospitale di Rubiera (R.E.).

___

“Yes, Here We Are” 2012. Progetto Internazionale Residenziale e Itinerante di Teatro. Reggio Emilia, Jesi, L’Aquila.

___

In collaborazione con GGFH e ArtiViveHabitat di Soliera ha condotto il Laboratorio e lo spettacolo

Straniero, una storia di tutti i giorni 2013

Forte, Vicino al Cuore 2014

http://www.ggfch.it/index.php?option=com_content&view=article&id=374&catid=35&Itemid=64

straniero2

___

In collaborazione con Fa.Ce. di Castelnuovo ne Monti e Francesca Bianchi ha condotto il Laboratorio e gli spettacoli

Tempo al Tempo 2010

le 12 voci 2011

Realiti 2013

I Pigri – Lezione di Teatro Veloce 2014

DSC_0029

Commenti chiusi